15/02 Smart Lab – Capitali Trentini – N. 3: tra Youth workers, jazz e fotografia

15/02 Smart Lab – Capitali Trentini – N. 3: tra Youth workers, jazz e fotografia
febbraio 14, 2018 Francesco

Si svolgerà domani giovedì 15 febbraio ore 21 al centro giovani Smart Lab di Rovereto il primo incontro di Capitali Trentini , una rassegna culturale curata e promossa da Altrove Reporter, in collaborazione con l’Ufficio Emigrazione della Provincia autonoma di Trento e lo Smart Lab.

Se ormai ricorre ciclicamente l’allarme sui ‘cervelli in fuga’, Altrove Reporter sa che la nuova emigrazione può anche diventare una risorsa straordinaria di confronto e di internazionalizzazione anche per i territori dai quali i giovani partono. Gli incontri si pongono così
l’obiettivo non solo di lasciar parlare direttamente chi se ne è andato, ma di far sì che l’esperienza vissuta e raccontata diventi motivo di confronto e di arricchimento per il Trentino – e chissà che non ci scappino idee per future collaborazioni internazionali!

Come si fa?
La formula è molto semplice: si farà dialogare direttamente chi è partito con chi è rimasto in Italia su temi comuni che riguardano il modo di esercitare, qui e altrove, la stessa professione, la stessa passione, gli stessi interessi.

Di che si parla?
Come si può indovinare dal titolo, i tre ambiti d’indagine saranno il lavoro dei centri giovanili; la professione di musicista (in particolare jazz) e quella di fotografo.

A chi è rivolto?
Il dibattito è aperto a tutti, ma in particolare a coloro che direttamente se ne occupano qui.

Il primo incontro si concentra sui centri giovani, le strutture che hanno dato la parola da protagonisti al mondo giovanile e che sono ormai presenti diffusamente in tutto il territorio trentino e in molte realtà urbane, nazionali e non.
Esistono specificità (regionali/nazionali) dei modi con cui nascono e sono gestiti i centri giovani? Quali sono le principali sfide a cui sono chiamati coloro che si occupano della galassia giovani? Come vengono affrontate in Inghilterra, in Europa e fuori Europa? Cosa rende particolare l’esperienza trentina?


Risponderanno a queste domande Riccardo Loss, della Cooperativa Smart; Amanda Disa, con il suo studio sui centri giovani in Inghilterra; Liviana Concin, operatrice al Centro Giovani #Kairos di Pergine, in rete con diversi centri giovani europei e non solo; Ezequiel Lifschitz e Alfert Berisa, ragazzi coinvolti nel progetto BROADER (Boosting cross-border interRelations to Overcome Animosity and DEvelop human Rights educativo), i quali presenteranno il progetto e i Centri giovani dei Paesi dai quali provengono; Michele Giovanaz, ragazzo del centro coinvolto nello Youth Exchange nell’ambito del progetto BROADER e partecipante del progetto di Co-housing “Io cambio status”.
Farà da moderatrice Alessandra Benacchio, già RTO del Piano Giovani di Zona di Trento e Arcimaga e curatrice di una ricerca sulla rete dei centri giovani del Trentino.

Evento FB: https://www.facebook.com/events/165043157614946/

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*